Prove Aperte alla Scala con i M° Chailly e Albrecht

Prove Aperte alla Scala con i M° Chailly e Albrecht

Il ricavato sostiene i progetti de iSemprevivi+onlus e Progetto Itaca Onlus

Ultimi due appuntamenti il 16 e il 24 maggio per La Filarmonica della Scala incontra la città, il ciclo di Prove Aperte che, grazie al Main Partner UniCredit e al sostegno di UniCredit Foundation, quest’anno sostiene i progetti di assistenza alla disabilità nella città di Milano.
Sabato 16 maggio alle ore 9.30 sarà il Maestro Riccardo Chailly a guidare l’Orchestra Filarmonica e la pianista portoghese Maria João Pires nella Prova Aperta a favore de iSemprevivi+onlus, associazione che a Milano opera da dieci anni per l’integrazione delle persone con malattia psichiatrica. A introdurre la serata sarà il critico musicale Gian Mario Benzing, che guiderà il pubblico all’ascolto del Concerto n.4 per pianoforte e orchestra in sol magg. op. 58 di Beethoven e della Sinfonia n.5 in re min. op. 47 di Šostakovič.
La Prova successiva, in programma per domenica 24 maggio, alle ore 19.30, vedrà sul palco del Piermarini il Maestro Marc Albrecht e la giovane pianista Beatrice Rana. Il ricavato della serata andrà a sostegno di Progetto Itaca Onlus e del suo centro di telelavoro assistito “Job Station” per l’inserimento professionale di persone con invalidità psichica. La serata sarà introdotta da Enrico Parola e prevede l’esecuzione del Concerto n.1 per pianoforte e orchestra in do magg. op. 15 di Beethoven, seguito dal Quartetto n.1 in sol min. di Brahms nell’orchestrazione di Arnold Schönberg.
La stagione è resa possibile anche dalla collaborazione con il Teatro alla Scala e i media partner Corriere della Sera-ViviMilano e Radio Popolare.
#ProveAperte

Informazioni

Prevendita telefonica: 02 465467467 | lunedì-venerdì | orari 10.00-13.00 / 14.00-17.00
Prevendite online: www.vivaticket.it | www.geticket.it
Prezzo biglietti: da 5 a 35 euro – esclusi diritti di prevendita

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.