#lasuasperanza per 7.000 bambini malnutriti del Mali

#lasuasperanza per 7.000 bambini malnutriti del Mali

Fino al 5 febbraio campagna di COOPI con numero solidale 45528

Nel mondo ci sono ancora bambini che rischiano di morire di fame. Succede in Mali, uno dei paesi più poveri e dimenticati dell’Africa, dove conflitti etnici e religiosi, crisi politiche e soprattutto frequenti siccità hanno ridotto l’accesso al cibo per oltre 2 milioni di persone.

Qui 1 bambino su 6 soffre di malnutrizione acuta, e dei 180.000 casi più gravi solamente il 17% è raggiunto da un programma di aiuto umanitario.

La malnutrizione acuta può provocare danni irreparabili allo sviluppo psico-fisico del bambino e nei casi più gravi portare alla morte.

Per dare una speranza a 7.000 bambini tra i 6 mesi e i 5 anni che rischiano di morire di fame, COOPI – Cooperazione Internazionale lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #lasuasperanza, alla quale è possibile contribuire fino al 5 febbraio tramite sms e chiamate al numero solidale 45528.

Grazie ai fondi raccolti la ong potrà continuare a offrire cure mediche tempestive e attività di prevenzione e sensibilizzazione nel Distretto di Segou, dove dal 2012 ad oggi ha salvato la vita a oltre 18.000 bambini, contribuendo a ridurre patologie e mortalità legate alla malnutrizione.

COOPI, in particolare, garantirà la presenza nei villaggi di referenti locali che sensibilizzeranno le famiglie sulle corrette pratiche nutrizionali e igienico-sanitarie, monitoreranno le condizioni di salute dei più piccoli e tratteranno tempestivamente i casi di malnutrizione.

Informazioni

Aragorn: 02 46546742
COOPI – Cooperazione Internazionale: clicca qui
Donazioni: fino al 5 febbraio 2017 si potranno donare 2 euro per ogni SMS inviato al 45528 da cellulare personale TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali. Il valore della donazione sarà di 5 euro per ogni chiamata da rete fissa Vodafone, TWT e Convergenze e di 2 o 5 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Infostrada, Fastweb e Tiscali.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.