Fino al 4 ottobre 2015 – Le “bimbe dagli occhi belli” chiedono aiuto

Fino al 4 ottobre 2015 – Le “bimbe dagli occhi belli” chiedono aiuto

Campagna con SMS solidale al 45504 promossa da AIRETT a favore della ricerca

Crescono apparentemente sane nei primi mesi di vita. Poi, solitamente intorno al secondo anno, qualcosa blocca il loro sviluppo e le fa regredire, fino a privarle della parola, dell’uso di mani e gambe, del controllo dei movimenti.
Sono le “bambine dagli occhi belli”, chiamate così perché riescono a comunicare solo con lo sguardo a causa della Sindrome di Rett (SR), una malattia rara neurodegenerativa, di origine genetica, che colpisce quasi esclusivamente il sesso femminile durante i primi anni di vita provocando ritardi nella crescita e gravi disturbi psicomotori.
Per arrivare il prima possibile a una cura, dal 14 settembre al 4 ottobre, AIRETT – Associazione Italiana Sindrome di Rett Onlus costituita da genitori di bambine e ragazze affette dalla SR – lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con SMS solidale al 45504. Il ricavato contribuirà a sostenere la ricerca scientifica e a completare l’iter di uno studio pre-clinico basato su un trattamento farmacologico con elevate potenzialità terapeutiche nella cura della SR.
Oltre a sostenere la ricerca su questa grave patologia, AIRETT supporta la formazione di medici e terapisti ed è impegnata nella creazione in Italia di centri di riferimento specializzati.
Anche per questa campagna l’associazione può contare sul noto conduttore TV e radio Nicola Savino, che ha prestato la sua voce e la sua immagine per la campagna di comunicazione.

Informazioni

Aragorn: 02 46546782
AIRETT Onlus:clicca qui
Donazioni: fino al 4 ottobre 2015 si potranno donare 2 euro per ciascun SMS inviato al 45504 da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali. Il valore della donazione sarà di 2 euro anche per ciascuna chiamata allo stesso numero da rete fissa Vodafone e TWT e di 2/5 euro per ogni chiamata da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *