Fino al 23 febbraio 2015 – Quando il tumore colpisce i più piccoli

Fino al 23 febbraio 2015 – Quando il tumore colpisce i più piccoli

Fondazione Umberto Veronesi lancia una campagna di raccolta fondi con SMS solidale al 45595

Finanziare protocolli di cura che garantiscano ai bambini malati di tumore le cure più efficaci, per aumentare la probabilità di successo delle terapie e migliorare la loro qualità della vita. Questo lo scopo della campagna di raccolta fondi con SMS solidale al 45595 lanciata da Fondazione Umberto Veronesifino al 23 febbraio 2015. L’iniziativa rientra nel progetto Gold for Kids, promosso per sostenere le cure mediche nell’oncologia pediatrica e per promuovere l’informazione e divulgazione scientifica in questo ambito.
Ogni anno in Italia si ammalano di cancro circa 2.600 bambini e adolescenti. Per garantire loro le migliori terapie disponibili rispetto alle cure non strutturate, i piccoli pazienti devono essere arruolati in un protocollo di cura, che ha però notevoli costi aggiuntivi. Questi costi nell’oncologia pediatrica sono quasi sempre interamente a carico dei centri di cura, che spesso non hanno i fondi necessari per attivarli. In Italia la situazione è resa ancora più difficile da un decreto ministeriale del 2009 che ha aumentato i costi di avviamento dei protocolli.
Nello specifico, le donazioni di questa campagna serviranno per coprire i costi del protocollo EuroNet PHL-C2, uno studio internazionale sul linfoma di Hodgkin di bambini e adolescenti, coordinato dal Centro Regionale Oncologico di Aviano (PN), per curare 500 pazienti in 5 anni.

Informazioni

Aragorn: 02 46546786
Fondazione Umberto Veronesi:clicca qui
Donazioni: fino al 23 febbraio si potranno donare 2 euro per ciascun SMS inviato al 45595 da cellulare personale TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Vodafone, TeleTu e TWT. Il valore della donazione sarà di 2 o 5 euro per ciascuna chiamata da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *