Edizione speciale del Corriere della Sera dedicata a Fondazione Progetto Arca Onlus

Edizione speciale del Corriere della Sera dedicata a Fondazione Progetto Arca Onlus

Il primo giorno dell’anno è uno dei pochi tra i 365 in cui non si trovano i quotidiani in edicola.
Questo 2014 inizia con un’eccezione: il 1° gennaio il Corriere della Sera uscirà infatti con un’edizione speciale totalmente gratuita per ogni utente (non solo quindi per gli abbonati) nella sua edicola digitale.
Inoltre questa iniziativa, unica nel suo genere, ha un risvolto benefico: per ogni “clic” – ovvero per ogni utente che leggerà l’edizione speciale – il Corriere della Seradevolverà 50 centesimi a Fondazione Progetto Arca, Onlus che da 20 anni opera in Italia per fornire un primo aiuto e favorire l’integrazione sociale di coloro che versano in uno stato di grave indigenza ed emarginazione, in particolare le persone senza dimora. Per l’attuale Emergenza Freddo Progetto Arca ogni giorno distribuisce 2000 pasti e offre alloggio a 800 persone.
Il contenuto del Corriere datato 1° gennaio sarà infatti dedicato all’Italia che riparte, mettendo in luce i lati positivi dell’Italia, attraverso contenuti inediti dedicati agli italiani che non si arrendono alla crisi e si impegnano ogni giorno per rilanciare il nostro Paese.
Per leggere l’edizione speciale del Corriere e per aderire all’iniziativa benefica, il 1° gennaio basta cliccare su digital edition nella barra in alto a sinistra della home page di corriere.it (disponibile per tablet, pc e smartphone): il Corriere donerà per ognuno 50 centesimi a Progetto Arca e in particolare al centro di accoglienza di via Aldini a Milano, che attualmente permette ogni giorno di offrire un posto letto e un pasto caldo a 200 persone senza dimora.

Informazioni

Aragorn: 02 46546752 | silviapanzarin@aragorn.it
Corriere della Sera Digital Edition: clicca qui
Fondazione Progetto Arca onlus: clicca qui

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *