Dal 24 aprile al 7 maggio 2016 – Un sms per curare i bambini in Uganda

Dal 24 aprile al 7 maggio 2016 – Un sms per curare i bambini in Uganda

Fondazione Corti raccoglie fondi al 45501 a favore del Lacor Hospital

In Uganda quasi il 70% della popolazione vive in povertà e il tasso di mortalità infantile è altissimo: 90 bambini su 1.000 nati non arrivano ai 5 anni d’età a causa di malaria, polmonite, diarrea, malnutrizione. Speranza di guarigione per migliaia di persone è il St. Mary’s Hospital Lacor nel Nord Uganda, uno dei maggiori ospedali senza scopo di lucro dell’Africa Equatoriale. Qui sono curate ogni anno 250mila persone, per l’80% donne e bambini: le tariffe non superano il 25% del costo della cura, e chi non è in grado di pagare è assistito gratuitamente. Per continuare a garantire cure e assistenza medica anche ai più bisognosi l’ospedale necessita di sostegno. Per contribuire, dal 24 aprile al 7 maggio, è attiva una campagna di raccolta fondi con SMS solidale al 45501 promossa dalla Fondazione Corti, nata per volontà dei medici Piero e Lucille Corti. Fondatori del St. Mary’s Hospital Lacor, i coniugi Corti in 50 anni di lavoro hanno trasformato un piccolo ospedale in un grandissimo presidio, con l’obiettivo di offrire le “migliori cure possibili al maggior numero di persone e al minor costo”, formando il personale locale per rendere la struttura sempre più efficiente e autonoma. Oggi l’ospedale rappresenta un motore determinante per lo sviluppo sociale ed economico locale ed è il maggiore polo di formazione di professionisti sanitari nella regione.

Informazioni

Aragorn: 02 46546783
Fondazione Corti: clicca qui
Donazioni: dal 24 aprile al 7 maggio 2016 si potranno donare 2 euro per ciascun SMS inviato al 45501 da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce. Il valore della donazione sarà di 2 euro anche per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Vodafone e TWT e di 2 e 5 euro per ciascuna chiamata fatta sempre al 45501 da rete fissa TIM e Fastweb.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *