Cuore Fratello batte per i piccoli cardiopatici

Cuore Fratello batte per i piccoli cardiopatici

Dal 14 aprile al 2 maggio numero solidale 45519 per finanziare interventi salvavita

Nel mondo 8 bambini su 1.000 nascono con una cardiopatia congenita che, se non affrontata con un intervento chirurgico e cure adeguate nei primi anni di vita, rischia di portare alla morte. In alcuni Paesi le difficoltà di accesso all’assistenza sanitaria e l’impossibilità per molte famiglie di coprire i costi delle cure mediche rendono le cardiopatie infantili una vera urgenza sociale.

Per questo Cuore Fratello onlus si impegna per garantire il diritto alla salute dei bambini, con particolare attenzione a quelli cardiopatici dei Paesi in via di sviluppo: per continuare a farlo dal 14 aprile al 2 maggio lancia una campagna di raccolta fondi tramite sms e chiamate solidali al 45519.

Con il ricavato, in particolare, l’associazione finanzierà 7 interventi salvavita di cardiochirurgia pediatrica al Cardiac Center di Shisong, in Camerun, il primo Centro di Cardiochirurgia di tutta l’Africa Equatoriale Occidentale, di cui Cuore Fratello è uno dei fondatori. Qui l’associazione aiuta le famiglie in grave difficoltà economica ad affrontare i costi per le operazioni dei piccoli pazienti.

L’ospedale, infatti, chiede ai genitori di partecipare alla spese per gli interventi dei figli, a seconda della loro disponibilità economica, ma molti non sono in grado di offrire neanche un minimo contributo. Saranno quindi individuati i casi più urgenti tra i bambini più poveri, che potranno essere operati grazie al sostegno di Cuore Fratello.

Informazioni

Aragorn: 02 46546751
Cuore Fratello: clicca qui
Donazioni: dal 14 aprile al 2 maggio 2017 si potranno donare 2 euro per ogni SMS inviato al 45519 da cellulare personale TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali. Il valore della donazione sarà di 5 euro per ogni chiamata da rete fissa Vodafone, TWT e Convergenze e di 2 o 5 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Infostrada, Fastweb e Tiscali.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *