30 marzo 2020 – Chailly e l’Accademia della Scala omaggiano Beethoven nel concerto a favore della Croce Rossa di Milano

Croce Rossa di Milano

30 marzo 2020 – Chailly e l’Accademia della Scala omaggiano Beethoven nel concerto a favore della Croce Rossa di Milano

Il ricavato della serata sosterrà le attività sanitarie e sociali per le persone più vulnerabili. Prime file a prezzo ridotto per gli spettatori under 30

L’atteso appuntamento annuale al Teatro alla Scala di Milano a favore della Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano è in programma per lunedì 30 marzo 2020, alle ore 20. A dirigere dal podio del Piermarini l’Orchestra dell’Accademia del Teatro alla Scala sarà il Maestro Riccardo Chailly.

Il programma del concerto, giunto alla sua 24° edizione, prevede la Sinfonia n.1 e la Sinfonia n.7 di Ludwig Van Beethoven e si inserisce all’interno delle celebrazioni per il 250° anniversario della nascita del compositore tedesco.

I fondi raccolti grazie alla serata contribuiranno a sostenere le attività di Croce Rossa sul territorio di Milano in aiuto delle persone più fragili ed emarginate. Si tratta dell’Unità di strada, che fornisce un supporto concreto a coloro che vivono in strada offrendo beni di prima necessità e assistenza; del progetto Il sorriso, che mette a disposizione dei più poveri cure odontoiatriche; della Filiera della solidarietà, ovvero la distribuzione di generi alimentari alle famiglie più bisognose.

Il concerto vuole inoltre essere un’occasione per avvicinare i giovani al mondo della musica classica e del volontariato: per questo Croce Rossa Milano ha deciso di riservare le prime due file della platea al pubblico under 30 al prezzo ridotto di € 50,00 (prevendita esclusa).

Informazioni

Biglietti da 15 a 200 euro – esclusa prevendita
Prevendita Aragorn: 02 38.83.210 | lunedì-venerdì | 10.00-13.00 /14.00-17.00 – biglietteria
Altre prevendite:www.ticketone.it; www.vivaticket.it
Ulteriori informazioni: concertoscala@crimilano.it
Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano:clicca qui

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *