Fino al 1° settembre 2019 – Guido Pajetta, a Palazzo Reale in mostra uno dei pittori di spicco del ‘900

Fino al 1° settembre 2019 – Guido Pajetta, a Palazzo Reale in mostra uno dei pittori di spicco del ‘900

L’antologica che Milano dedica all’artista ne ripercorre oltre 60 anni di lavoro

Si intitola Guido Pajetta. Miti e figure tra forma e colore la mostra aperta a Palazzo Reale di Milano fino al 1° settembre 2019. La rassegna, a ingresso libero, è dedicata a uno dei pittori di primissimo piano nel panorama artistico del ‘900 e ha l’obiettivo di riscoprirne la storia dagli esordi alla morte.

Si potranno ammirare 90 opere, suddivise in 9 sezioni espositive, che ripercorrono la lunga carriera dell’artista. Con la sua arte Guido Pajetta ha attraversato quasi interamente il secolo scorso, incontrandone gli stili e i personaggi più importanti, ma restando comunque una figura anomala all’interno di questo contesto. Per non sentirsi limitato nella propria arte si allontana da qualunque movimento artistico riconosciuto e dipinge spinto dal proprio inconscio, dal proprio istinto e dai propri demoni.

L’inquietudine è infatti il tema generale che attraversa le opere di Pajetta, che cerca nella tela e soprattutto nel colore il senso della propria vita. E i tanti linguaggi utilizzati sono stati scelti proprio in funzione del suo obiettivo di analisi interiore.

La mostra è promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale e dalla Fondazione Guido Pajetta ed è curata da Paolo Biscottini, Paolo Campiglio e Giorgio Pajetta.

Aragorn si è occupata del suo coordinamento generale, dall’allestimento all’inaugurazione, ha ideato la campagna di comunicazione e curato l’attività di ufficio stampa.

Informazioni

Orari
lunedì 14.30 – 19.30
martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30 – 19.30
giovedì e sabato 9.30 – 22.30
Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura

Ingresso gratuito

Aragorn: 02 465.467.58
Fondazione Guido Pajetta: clicca qui

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *