Blog

“Risp in pvt”: la chat come nuova frontiera del rapporto con i donatori

Ogni giorno, un social media manager si sveglia e si pone una domanda: “cosa posso fare per parlare ai miei utenti e coinvolgerli attorno alla mission dell’organizzazione per cui lavoro?”. E così, una volta giunto in ufficio, accende il pc e risponde con il giusto tono alla sua community e a tutti i commenti che avete ricevuto sulla vostra pagina Facebook. Comunica tempestivamente notizie, dati e riflessioni su Twitter. Interagisce su Instragram con utenti “vicini” alla vostra causa. Valorizza [...]

Leggi di più...

Una donazione non è un gioco. O forse sì?

In uno dei primi appuntamenti del nostro blog vi avevamo raccontato di come i donatori, per continuare a sostenere una causa, abbiano bisogno di sentirsi dei supereroi: delle persone straordinarie che, combattendo i cattivi, rendono il mondo un posto migliore. Per farli sentire davvero tali, non basta dimostrare loro riconoscenza, celebrandoli nel momento in cui sostengono la vostra causa: dovete condividere con loro la responsabilità della vostra mission, e anzi spostarla un po’ sulle loro spalle, rendendoli protagonisti di [...]

Leggi di più...

“Sbagliando si impara”: ecco perché al FFR 2017 ho chiuso un cerchio

La mia prima volta al Festival del Fundraising è stata una sorta di chiusura di un cerchio. Naturalmente, è stata un’opportunità davvero preziosa per vedere, ascoltare e conoscere una serie di professionisti straordinari del nostro settore (Chris Innes e Jeff Brooks tra tutti), dai quali non posso che far altro che imparare, imparare, imparare. Però è stata anche, lo ripeto, l’occasione giusta per chiudere un cerchio. Mi spiego meglio. Avete mai sentito il detto “Sbagliando si impara”? Io, per esempio, ricordo che le mie [...]

Leggi di più...

Standing on the Shoulders of Giants (no, non è un articolo sugli Oasis, ma sull’attivismo online)

“Immigrati: quanti ancora ne possiamo prendere?” (Daily Mail – 27/08/2015) “Lo ‘sciame’ nelle nostre strade.” (Daily Mail – 31/06/2015) “4.000 assassini e stupratori stranieri di cui non possiamo sbarazzarci.” (Daily Mail – 02/01/2013) Era il 2015 quando l’alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad Zeid Al Hussein, espresse una ferma condanna contro i tabloid britannici per i decenni di disinformazione, alterazione della realtà e offese perpetrate ai danni degli stranieri – fossero essi immigrati o richiedenti asilo. Alla condanna per [...]

Leggi di più...

Ed è subito burnout (ovvero: piccola guida per sopravvivere allo stress nel mondo del non profit)

Maggio: le campagne 5×1000 sono partite, le altre “regolari” attività di comunicazione e raccolta fondi proseguono a pieno ritmo, l’anno lavorativo corre a perdifiato. Gli impegni si accavallano, le scrivanie si riempiono di fogli, post-it e memo, i telefoni non smettono di squillare, i cellulari di servizio non si spengono più. Il calendario di Google si infittisce di impegni, scadenze, incontri, eventi, Festival. Le vacanze estive sono lontane (troppo lontane!), gli effetti della primavera si fanno sentire, i “ponti” [...]

Leggi di più...

UNA MELA (E NON SOLO) AL GIORNO PER DONARE IN MODO VELOCE E DIVERTENTE

Per una volta smentiamo i soliti luoghi comuni, in tema di Italia e di digital. E, per farlo, partiamo da un campo insospettabile, quello delle modalità di pagamento maggiormente utilizzate nel nostro Paese. Ebbene, la storica nomea di roccaforte del contante, così spesso attribuita al bel paese, sembra destinata a essere presto deposta, come dimostra una recente ricerca condotta dal Politecnico di Milano: nel 2016 in Italia i pagamenti digitali con carta di credito hanno oltrepassato i 190 miliardi [...]

Leggi di più...

Caro Utente, ti scrivo?

Non molto tempo fa, ci siamo occupati dei principali trend del digital fundraising per il 2017. Oggi vogliamo tornare sull’argomento per aggiungere un altro tassello alla nostra riflessione, focalizzando l’attenzione su un altro elemento della comunicazione digital, forse il più importante, ossia chi riceverà il nostro messaggio. Tralasciando tutte le distinzioni tra “target specifico di comunicazione” e “utente spettatore della stessa” (che meriterebbero un capitolo a parte), per questa nostra analisi considereremo gli utenti nell’accezione più generica di “persone che [...]

Leggi di più...

Non dire gatto se non ce l’hai… in campagna!

Potranno anche aver scelto di abbandonare l’Unione Europea, ma le tradizioni e gli animali proprio no. È così in Gran Bretagna, dove la popolazione ha sempre dimostrato di avere una innata propensione a donare generosamente a favore delle onp che si occupano della protezione e della cura degli animali. Una generosità storica, quella del pubblico britannico, capace ad esempio di donare £270.000 in una notte, £2m in totale a favore di Manchester Dogs’ Home, per aiutare la onp a [...]

Leggi di più...

I MILLENNIAL, QUESTI SCONOSCIUTI?

Anno nuovo, sfide… vecchie. Il 2017 è iniziato da un pezzo e, degno successore degli ultimi anni, ha portato con sé alcuni nodi ormai da sciogliere. Uno fra tutti quello del rapporto fra la digitalizzatissima generazione Millennial e il mondo del non profit. Una galassia, quella nata tra il 1980 e il 2000, rispetto alla quale abbiamo alcune certezze (è iper-connessa), ma che ci presenta ancora molti interrogativi: quali sono le sue caratteristiche e le sue potenzialità? Come e perché [...]

Leggi di più...

COME USARE – BENE – LE EMOZIONI NEL FUNDRAISING

Quante volte ti sei sentito dire che il modo migliore per comunicare e promuovere la tua causa presso il pubblico consiste nel ricorrere alle emozioni? Come dimostrato dal report annuale dell’ASA (Advertising Standards Authority), tuttavia, se è vero che le persone ascoltano i fatti, ma aprono il portafoglio alle emozioni, è altrettanto vero che queste ultime devono essere usate in modo consapevole, responsabile, etico, senza il ricorso ingiustificato a immagini e contenuti strazianti. Secondo Alan Clayton, anzi, il fundraising [...]

Leggi di più...