Fino al 28 aprile 2018 – 45580 è il numero solidale per donare una culla termoregolata ai piccoli prematuri

OBM onlus

Fino al 28 aprile 2018 – 45580 è il numero solidale per donare una culla termoregolata ai piccoli prematuri

Campagna dell’associazione OBM – Ospedale dei Bambini Milano Buzzi Onlus

Accendi gli occhi di un bambino” è la campagna lanciata da OBM Ospedale dei Bambini Milano Buzzi Onlus a cui si può contribuire tramite sms e chiamate al numero solidale 45580. L’obiettivo è acquistare una culla incubatrice termoregolata di ultima generazione destinata ad accogliere i neonati prematuri, che pesano meno di un chilo, nelle prime settimane di cura e di sopravvivenza.

In Italia ogni anno sono 40.000, il 10% di tutti i nati vivi, i bambini che vengono alla luce troppo presto, tra la 22° e la 37° settimana; 500 sono quelli accolti a Milano nel reparto di Terapia Intensiva e Patologia Neonatale dell’Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi da più di un secolo centro di riferimento per l’assistenza specialistica in campo materno infantile.

La culla termoregolata, dotata di sistema di monitoraggio multiparametrico centralizzato che consente il controllo costante dei parametri vitali del neonato, permetterà di ricreare – per quanto possibile – la situazione in cui il bambino si trova nel grembo materno.

OBM Onlus ogni giorno è a fianco del personale medico dell’ospedale per supportare i piccoli insieme alle loro famiglie, integrandoli in un ambiente fatto su misura per loro, con strumentazioni e attenzioni specifiche, per aiutarli ad affrontare la cura il più serenamente possibile.

Informazioni

Aragorn: 02 46546742
OBM Onlus: clicca qui
Donazioni: fino al 28 aprile 2018 si possono donare 2 euro per ciascun SMS inviato al numero solidale 45580 da cellulare personale Wind Tre, Tim, Vodafone, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali. Il valore della donazione è di 5 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile e di 5 o 10 euro per ciascuna chiamata da rete fissa Tim, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *